Alla scoperta della Scozia

Terra di stimolanti e vivaci città ma anche di antichi castelli che sovrastano laghi avvolti dalla nebbia e cervi selvatici che percorrono colline ricoperte d’erica.
La Scozia è divisa in cinque regioni specializzate nella produzione di whisky: Campbeltown, Highlands, Islay, Lowlands e Speyside.
La zona di produzione ha un’enorme influenza sul sapore del distillato: qualsiasi caratteristica, dalla provenienza dell’acqua alla presenza di torba nell’area circostante, può essere percepita nel gusto. Anche la tipologia di alambicco e il legno delle botti utilizzate per far maturare lo spirito rendono lo Scotch whisky differente da distilleria a distilleria.
Non ne troverete due uguali!
Vediamo insieme le caratteristiche generali attribuite dal territorio:

Campbeltown

Qui si producono single malt unici dal palato affumicato e sapore marittimo.

Highland
 
I suoi whisky non sono facili da catalogare. In generale, sono single malt robusti e corposi con caratteristiche individuali a seconda della distilleria e della posizione. Alcuni sono torbosi o fumosi, alcuni sono potenti ed altri ancora sono sorprendentemente delicati.
Le distillerie delle Highlands settentrionali producono generalmente whisky con malti corposi e dolci con note di cereali; nel sud, i whisky tendono ad essere più leggeri, fruttati e secchi. I single malt dell’est sono corposi, secchi e fruttati rispetto a quelli degli altipiani occidentali, che sono pieni di forti influenze marittime.

Islay
 
La torba, bruciata in fornaci per essiccare l’orzo maltato, distingue i single malts di Islay da quelli di altre regioni:
si è formata nel corso di milioni di anni, è ricca di muschi in decomposizione, erica e licheni ed è molto diversa da quella continentale.
Secoli di spruzzi salati sono penetrati negli strati profondi della torba e filtrati nei magazzini delle botti di maturazione. I malti risultanti sono pungenti, potenti e caratteristici. I single malt di Islay sono rinomati per la loro fumosità con lievi note di aria di mare e alghe.

Lowland

Il clima mite e la pianura rendono questo posto ideale per la coltivazione di orzo. I suoi whisky sono leggeri e non stagionati, tra cui alcuni conosciuti per le loro note dolci, erbacee e lo stile gentile. 
 
Speyside

La ricca disponibilità di acqua pura e la bellezza dell’entroterra contribuiscono a produrre whisky morbidi e complessi che offrono un elegante contrasto con i whisky salati e pesantemente fermentati di altre regioni. I whisky di Speyside sono caratterizzati da note dolci e fruttate, che vanno dalle pere mature all’uva sultanina. Sentori di noci e malto sono comuni e alcuni hanno anche una raffinata fumosità.

Non siete ancora soddisfatti?

Ecco il link per maggiori informazioni sul whisky!

 

Concept and design by Interline